April2008
HONORARY MENTION at the international design award
milan, furniture fair2008, milan italy

aprile2008
menzione d'onore
concorso internazionale di design
evento esterni
fuorisalone del mobile, milano

http://www.adamoevacreazioni.it/

Arte sacra o design? Un importante riconoscimento a carattere internazionale (menzione d’onore del Premio Internazionale Giovani Designer Adam'o Eva 2008) e’ stata conferita ad una singolare opera di design.

L’intenzione è di interpretare una progettazione così delicata ponendo l’attenzione sulla dematerializzazione dei monumenti attuali che si presentano molto spesso come “gravi piattaforme su corpi in ascesa”. Da qui il desiderio di creare elementi non più oppressivi ma eterei che rimandino ad una eventuale resurrezione.

Setti verticali in pietra di Sarnico, lame lineari che si ergono dal terreno e creano una struttura fortemente tridimensionale. Il tutto ammorbidito dalla forma sferica che ne ritaglia la sagoma; ecco si crea così il rimando alla lapide della moglie che non essendo posta nelle vicinanze vuole però essere fortemente ricordata (essa infatti e’ rappresentata da una grande sfera di marmo).

L’opera e’ stata realizzata dalla ditta Paganessi Marmi di Vertova (bg).

////////////

The grave

Sacred art or design? A unique piece of artwork was given special international recognition (honorary mention in the Adam’o Eva Creations International design price 2008 for young designers)
The monument (a grave) stands out for being at the same time linear, sharp and sculptural.

The aim is to interpret such a delicate design bringing the viewer’s attention to the dematerialization of the present style of monuments which frequently appear as “platforms weighing down ascending bodies”. Hence her desire to create elements that are no longer oppressive but ethereal, hinting at a possible future resurrection.

Vertical sects of Sarnico stone rise as linear blades from the ground to create a sharply tridimensional structure. All this is softened by the spherical indentation that cuts its shape. A connection is thus created with the the deceased’s wife's gravestone
(represented by a large marble sphere), which, although not placed nearby, is willingly and strongly remembered.

The work was produced by Paganessi Marmi, Vertova, Bergamo, Italy